Daniele Aletti

1962, Italia

Nasce in Svizzera da genitori di origine bergamasca. Dopo la scuola d’ Arte e Mestieri di Zurigo nel 1980 è allievo praticante presso lo scultore romano Alessandro Righetti, dove affina la tecnica scultorea con il marmo, viaggia e fa esperienza nelle cave della Maremma Toscana. Nel 1982 apre il suo primo Atelier a Dulliken, dove nascono le prime sculture da lui stesso definite “organiche”.

Aletti mette al primo posto il senso del tatto, occorre toccare  per entrare in relazione. “Mi piace l’idea di un contatto ravvicinato con la materia, per poi arrivare ad un’esperienza diversa che va oltre la forma.” Nel 1994 si trasferisce in Italia a Sale S. Giovanni (CN) dove  tutt’ ora vive e lavora.

Regina e Re 2019

Rosa del Portogallo

2022 2022

Acrilico su tavola
GART Collection

Quest’ opera è presente in Gart Collection, la nostra collezione privata composta dalle opere per noi più significative degli artisti che sosteniamo.
Se sei interessato all’acquisto di quest’opera, scrivici per maggiori informazioni.

scopri GART Collection

Pulsar mi è dolce 2021

Portoro
GART Collection

Quest’ opera è presente in Gart Collection, la nostra collezione privata composta dalle opere per noi più significative degli artisti che sosteniamo.
Se sei interessato all’acquisto di quest’opera, scrivici per maggiori informazioni.

scopri GART Collection

Coppia imprevedibile 2016

Legno di Castagno

Daniele Aletti.
La critica GART.

Daniele Aletti
Daniele Aletti
Francesca Carbone - Gart
Francesca Carbone

Nel lavoro di Guggisberg e Aletti l’esigenza della visione personale e il bisogno contrastante della pietra di mantenere il proprio valore, la propria natura, sono perfettamente riconciliati.

tutti gli artisti

Questa riconciliazione non porta tuttavia alla risoluzione statica di un climax o di una fine ma ad un’armonia di forze contrapposte tenute in sospensione. La riconciliazione delle forze contrastanti nelle sculture di Guggisberg e Aletti è fatta di equilibrio dinamico e di tensioni perfettamente controbilanciate tra forme armoniose e materiali pesanti. Vengono prodotte forti tensioni tra vuoto e volume, tra pietra originaria e perfetta levigatura. L’impressione finale tuttavia è quella di una riconciliazione di opposti, un perfetto balance.

Si può dire che non ci sia un significato assoluto e statico in queste sculture, il significato può stare nel cambiamento emotivo ed intellettivo che il contemplarle opera dentro di noi.

Le opere di Daniela Madeleine Guggisberg e Daniele Aletti ci domandano di essere assorbite, di essere ricreate nella nostra memoria, stimolandoci immediatamente a dar loro un’interpretazione.

Francesca Carbone

Vorresti acquistare un’opera dell’artista?

Scrivici e contatteremo l’artista per scoprire se sia ancora disponibile.

"*" indica i campi obbligatori

Consenso*
Consenso
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Tutte le opere

Regina e Re 2019

Rosa del Portogallo

2022 2022

Acrilico su tavola

Universi paralleli 2015

Acrilico su tavola
GART Collection

Quest’ opera è presente in Gart Collection, la nostra collezione privata composta dalle opere per noi più significative degli artisti che sosteniamo.
Se sei interessato all’acquisto di quest’opera, scrivici per maggiori informazioni.

scopri GART Collection

Pulsar mi è dolce 2021

Portoro
GART Collection

Quest’ opera è presente in Gart Collection, la nostra collezione privata composta dalle opere per noi più significative degli artisti che sosteniamo.
Se sei interessato all’acquisto di quest’opera, scrivici per maggiori informazioni.

scopri GART Collection

Coppia imprevedibile 2016

Legno di Castagno